popstrap.com

Notizie flash

È stato pubblicato su "Archivio di Etnografia" il mio saggio: 
MUSICHE A MEMORIA-Pietro Sassu e il Trentino, fra ricerca,
divulgazione e multimedia
Download
Sono usciti finalmente il DVDbook VOCI ALTE-Tre giorni a Premana (Fondazione Levi, VE), e il CDbook STELLE, GELINDI, TRE RE (Nota, UD); per info e prenotazioni (a prezzo scontato) mandatemi una mail.
PDF Stampa E-mail

Come un fiume… Viaggiatori dell'impero

Ieri emigranti, oggi cittadini d'Europa

Co-produzione Associazione ATTI, Fondazione AIDA,

Drammaturgia e regia Flora Sarrubbo

Con Maura Pettoruso, Stefano Detassis, Flora Sarrubbo

Grafica Matteo Fait

Consulenza musicale Renato Morelli

Musica T.T.T. express · Musiche dal Trentino, Tirolo, Transilvania

Pietro Berlanda flauto

Bice Morelli violino

Renato Morelli fisarmonica

Andrea Ruocco contrabbasso

Monika Callegaro voce

Sandra Montagnana voce

continua…

Nella seconda metà dell’Ottocento le migrazioni, che per il Trentino come per larga parte dell’arco alpino erano state fino ad allora stagionali, cambiarono natura facendosi, per intere vallate e intere classi sociali, permanenti.

A partire dagli anni Ottanta del secolo - oltre a una moltitudine che fu indirizzata sulle rotte transoceaniche - alcune migliaia di persone lasciarono la loro terra per destinazioni nominalmente “interne” all’Impero, ma in realtà lontane per distanza geografica, lingua, cultura materiale, religione.

Queste persone migrarono verso altri territori della duplice monarchia danubiana, principalmente Austria occidentale, Bosnia ed Erzegovina, Romania, Ungheria. Per lungo tempo questi eventi sono rimasti in parte sconosciuti e intrappolati nelle pieghe della storia europea, riemergendo solo dopo il dissolversi della cortina di ferro.

A loro e ai loro discendenti, il cui destino si identificò ben presto col destino delle piccole patrie che li avevano accolti, questo lavoro è dedicato. Non di sole traversìe – e talvolta migrazioni ulteriori e dolorosi ritorni – sono fatte le loro vicende, ma anche e soprattutto di energie vitali travasate altrove, dell’orgoglio di un cognome, una canzone, una preghiera, un’espressione di famiglia in una lingua soave.

E con queste suggestioni oggi spesso si torna, si riscopre, si porta un bagaglio di esperienze e di curiosità che apre a noi - che siamo rimasti - più vasti orizzonti, nuove prospettive e fecondi scambi.

Attraverso di loro, e grazie a loro, ricordiamo la diaspora trentina, invisibile a chi non la conosce e così reale per chi l’ha vissuta.

***************************************

L’Ottocento trentino si caratterizza da un lato per l’appartenenza all’Impero austro-ungarico, dall’altro per il fenomeno  dell’emigrazione permanente. C’è chi ha dovuto solcare gli oceani, tanti altri invece, pur non uscendo dall’Impero, furono costretti a lasciare il Trentino per l’Austria, la Bosnia, la Romania, e l’Ungheria.

A queste persone e ai loro discendenti – che non ci hanno dimenticato - è dedicato questo lavoro. Attraverso di loro ricordiamo una pagina sconosciuta della storia dell’emigrazione e della diaspora trentina, invisibile a chi non la conosce e così reale per chi l’ha sperimentata.

Testi download

Musiche download