popstrap.com

Notizie flash

È stato pubblicato su "Archivio di Etnografia" il mio saggio: 
MUSICHE A MEMORIA-Pietro Sassu e il Trentino, fra ricerca,
divulgazione e multimedia
Download
Sono usciti finalmente il DVDbook VOCI ALTE-Tre giorni a Premana (Fondazione Levi, VE), e il CDbook STELLE, GELINDI, TRE RE (Nota, UD); per info e prenotazioni (a prezzo scontato) mandatemi una mail.
PDF Stampa E-mail

Cjantâ Vilotis
con Antonella Ruggiero

Canti ladini fra tradizione innovazione e contaminazione


Rassegna stampa
CD
DVD


continua…

L’Istituto Culturale Ladino, dopo un lungo e paziente lavoro di studio, trascrizione e ordinamento, ha dato alle stampe, per i tipi di Grafo Edizioni di Brescia, l’opera in tre volumi Il canto popolare ladino nell’inchiesta “Das Volkslied in Österreich” (1904-1915), imponente corpus di canti popolari delle Valli Ladine, dell’alta Val di Non e del Friuli Orientale, fortunosamente ritrovato nel Tiroler Landesarchiv di Innsbruck.
L’evento musicale qui proposto a conclusione di questo percorso intende richiamare l’attenzione del pubblico sui contenuti di questa operazione culturale, e mira al tempo stesso ad attualizzare il patrimonio della musica popolare in chiave del tutto moderna.
Un progetto ambizioso, cui ha subito aderito con entusiasmo Antonella Ruggiero, artista di grande spessore culturale che in questi ultimi anni sta conducendo singolari ed interessanti esperienze a confronto con il folklore musicale di diverse regioni, non ultimo con quello della nostra regione.
Ad Antonella Ruggiero ed al suo staff artistico viene dunque affidato l’arrangiamento e l’interpretazione di un serie di canti tratti dal corpus testé pubblicato, affiancandole per l’occasione alcuni gruppi e musicisti ladini, trentini e friulani che si sono particolarmente distinti nel recupero “creativo” della musica di tradizione orale, spaziando liberamente dalle regioni alpine all’Adriatico, dall’Europa centrale alla penisola balcanica.
L’obiettivo è quello di mettere a confronto stili, esperienze e sensibilità diverse, dando la possibilità ai musicisti locali di interagire con una grande “pop star” che si accosta per la prima volta con la sua sensibilità artistica al canto ladino. Un incontro che permette di stringere nuovi legami tra le comunità ladine contribuendo a rafforzare il prestigio della lingua presso le giovani generazioni.